Copyright ©2013~14 MilanoOffLimits imitidicthulhu®

Le Regole Edilizie di Pisapia

diario del Nuovo Stupidiario Ragionato

(nelle regole regressive del nuovo regolamento edilizio)


    
Lesson #4 : Articolo Arancione Nr. 76

Capolavoro: in un colpo, punita disabilità e conferimento differenziata

________________________________________________________________________________________________

    24:3:2014

Articolo Arancione Nr. 76

Vediamo la quarta perla di una collezione che in questi giorni sarà in continuo aggiornamento, la cronistoria delle gesta del Comune di Milano in Consiglio, dove la maggioranza arancione, depositaria unica dell'interpretazione autentica (a suo piacere) delle leggi, ci ordina come dovremmo vivere.

Su Le Regole Edilizie di Pisapia - diario del Nuovo Stupidiario Ragionato potete anche visitare :
Lesson #1 : Articolo Arancione Nr. 41 - Costi di costruzione su tutto (anche se non dovuti secondo la Legge dello Stato)
Lesson #2 : Articolo Arancione Nr. 11 - Sicurezza: false soluzioni burocratiche, impossibili perché affrettate (e costose)
Lesson #3 : Articolo Arancione Nr. 20 - Più burocrazia (e relative spese) nelle opere interne
Lesson #4 : Articolo Arancione Nr. 76 - Capolavoro: in un colpo, punita disabilità e conferimento differenziata
Lesson #5 : Articolo Arancione Nr. 55 - Burocrazia : farci fare e rifare (e pagare), per il Comune è uguale
Lesson #6 : Articolo Arancione Nr. 84 - Passi carrai solo oltre misura (come gonfiare la tassa di occupazione suolo)
Lesson #7 : Articolo Arancione Nr. 82 - Vietato realizzare parcheggi su proprie aree
Lesson #8 : Articolo Arancione Nr. 91 - Come rendere impraticabili le ristrutturazioni con paletti a casaccio
            Pare difficile punire con un solo articolo sia le famiglie con disabili che la facilità di poter differenziare l'immondizia per il corretto conferimento? Col nuovo regolamento sappiate che al Comune gli arancioni ci son riusciti, e vediamo come.

Tecnicamente si definisce S.L.P. la Superficie Lorda di Pavimento. E' questa la superficie abitabile delle nostre case, quella che possiamo permetterci di realizzare in proporzione all'estensione del terreno di cui disponiamo, del suo indice proporzionale di fabbricabilità, e per realizzare la quale dobbiamo pagare fior di oneri comunali per ciascun metro quadro che andiamo a costruire.

Le pertinenze, ossia i vani non abitabili, non costituiscono nella norma S.L.P., e sono quindi realizzabili nella proporzione che serve. Normalmente non sono soggetti al pagamento degli oneri di costruzione e non generano un minor uso complessivo della superficie edificabile di cui disponiamo.

In proposito, il nuovo Regolamento specifica meglio questo principio di godimento degli edifici, precisando che oltre al locale deposito immondizie, sono di libera realizzazione anche le piccole costruzioni destinate al ricovero dei mezzi speciali per i disabili, nella misura del 10% rispetto alla S.L.P. complessiva della relativa proprietà a cui sono destinati.

Ma ecco subito comparire il paletto, il vincolo inconcepibile che crea sperequazione e limita assurdamente la portata di questo giusto provvedimento. Quanto abbiamo prima scritto non varrà per i fabbricati con meno di 5 unità immobiliari: un fabbricato che ospiti quattro gruppi familiari, pagherà gli oneri comunali, e dovrà comunque disporre di S.L.P. da sacrificare alla superficie delle abitazione, sia per realizzare il vano immondizie che per ricoverare i mezzi destinati ai disabili.

Assurdo? Tenete conto che tutto il contesto in cui si muove il nuovo Regolamento ha una cornice di assurdità, poi ci sono però anche di questi capolavori.

Milano, 24 marzo 2014
Arch. Giovanni Seregni



Copyright 2013~2014 ©MilanoOffLimits @ imitidicthulhu®